SETTIMANA DELLA MODA: NEW YORK DICE “SEE NOW, BUY NOW”

New York saluta la sua Fashion Week più #glam di tutti i tempi.

E’ stata una settimana della moda totalmente diversa e innovativa ma soprattutto piena di eccezionali novità non solo per le collezioni presentate ma anche per tutto ciò che è successo.
Nell’era dei social e la moda più di qualunque altro ambito dice stay tuned now e rompe i propri schemi: è stata la settimana che ha visto stilisti fare tesoro del momento presente, abbracciando il mood “see now, buy now” lanciato da Tom Ford e accolto da molti suoi colleghi designer.

Sono stati infatti molti gli stilisti che, oltre all’anteprima sulle tendenze della primavera/estate 2017, hanno proposto collezioni per la stagione autunnale imminente dando al pubblico presente la possibilità di acquistare i capi subito dopo la sfilata (anziché aspettare mesi!): sono stati allestiti e ricreati veri e propri luoghi di shopping come spazi di puro divertimento, una scelta assolutamente nuova, che punta a un’esperienza del presente, senza rimandi o attese. E che soprattutto vira sempre di più verso i desideri del consumatore.

E’ stata una Fashion Week a tutto ritmo e volume, con una New York che – dopo essersi fermata a ricordare le vittime del World Trade Center nel giorno del 15° anniversario dalla tragedia – si è vestita di stile con eventi allestiti in vari quartieri della city in un’atmosfera di festa, fascino e innovazione.

Sono stati molto i protagonisti su e giù dal palco: da Gigi Hadid che ha creato una capsule collection per Tommy Hilfinger a Chiara Boni – unica stilista #madeinitaly a sfilare a New York – passando per lo show di Jeremy Scott con le modelle in versione plastique a Victoria Beckham che oltre alle sue creazioni tra tessuti plissettati, pizzo, linee morbide e calzature totally flat, ha presentato la sua nuova linea beauty in collaborazione con Estée Lauder.

In mezzo alle sfilate non sono mancati altri appuntamenti importanti come il Bloglovin’ Award che ha visto premiare i migliori bloggers a livello mondiale.
La sfilata più bella? Victoria Beckham overall.
Ma l’icona numero uno resta sempre lei: Iris Apfel.

New York ha regalato energia e avanguardia come solo la città che non dorme mai sa fare, ma ora il sipario scende.
Prossima tappa: Londra.